Milan Juventus conferenza e probabili formazioni

Conferenza Pioli

Che Juve si aspetta? “Mi aspetto una squadra in crescita, ha dovuto cominciare un nuovo percorso e ci sta perdere qualcosina ma è una squadra forte, ben messa in campo, difficile da prendere perché hanno ottimi palleggiatori. Dobbiamo affrontarli in modo lucido dal punto di vista tattico, ma affronterà un Milan forte”.

Quali dei record del Milan sente di più? “Sono dati importanti che testimoniano la qualità del nostro lavoro ma non deve cambiare i nostri obiettivi. Domani non dobbiamo distrarci”. 

Come vive la vigilia di Milan-Juve? “Rimane Milan-Juve per la storia e il blasone dei due club, per l’importanza e il numero dei tifosi, lo sappiamo che si tratta di una gara importante. Ma siamo alla 15esima di campionato, la nostra è una maratona, non è una gara decisiva ma una gara importante. Loro stanno bene ma anche noi lo siamo, vogliamo giocare bene”. 

Leao, il vice Ibra l’ha trovato in casa? “Ho rimproverato Ibra per aver messo l’immagine sui social ma non sarà della partita domani. Leao sta crescendo tanto ma non ha le stesse caratteristiche e dobbiamo sfruttarle nel modo giusto. C’è volontà di crescere e migliorare giorno per giorno”.

Occasione per dimostrare il valore? “Ogni gara lo è, dobbiamo solo pensare alla partita. Gli avversari sono di qualità ed esperienza”. 

Cambiata la gerarchia del campionato? “Per noi si, abbiamo fatto 17 punti in più rispetto all’anno scorso. La strada è quella giusta ma non possiamo parlare di partita decisiva alla 15esima, noi affrontiamo tutte le gare come partita decisiva. Sarà una gara importante”.

Le fa effetto questa dimensione di uomo copertina? “La cosa che mi gratifica è il riconoscimento del club nei miei confronti e dello staff per il lavoro che svolgo. Lo vivo con molto equilibrio e attenzione”. 

Saresti contento di un pareggio con la Juve? “Se tu approcci alla gara pensando al pareggio è la strada più vicina alla sconfitta. Ce la giochiamo, ci prepariamo per cercare di vincere. Sono contento se i ragazzi danno il massimo”.

Giocate dopo l’Inter, dal punto di vista psicologico influisce? “Non influisce, noi prepariamo la partita al di là degli avversari, poi la classifica è presto per guardarla”. 

Il centrocampo è in emergenza, Krunic o altre soluzioni? “Sempre, si prepara la strategia iniziale poi c’è sempre un piano B se le cose non vanno”.

Siete la squadra più forte in Italia? “Fino ad oggi è così i numeri dicono questo, sono d’accordo con quello che ha detto Kjaer. Dopo la partita con il Benevento ci sta dire che siamo i più forti, ce la giochiamo fino alla fine”.

Mercato? “La società sa che ci sarà la possibilità ci faremo trovare pronto”.

Conti sul mercato? “Nessuno sul mercato. Giocatore affidabile, le gerarchie sono cambiate ma il calcio dimostra continuamente che cambiano facilmente a seconda delle prestazioni”.

Scudetto? “Dobbiamo continuare in questo modo, proseguire con questa attenzione e qualità, serve intensità e qualità”.

 

Conferenza Pirlo

Come si gestisce la formazione temendo altri positivi?
“Abbiamo fatto gli esami sta mattina e adesso stiamo aspettando gli esiti. Nel pomeriggio sapremo se ci saranno altre situazioni”.

Si può pensare a una rimonta così?
“Stiamo lavorando per quello, abbiamo iniziato il 2021 con una vittoria e un atteggiamento positivo. Pensiamo partita dopo partita, poi la classifica la valuteremo fra un paio di mesi”.

Partita da dentro o fuori?
“No però è sicuramente una partita importante, non decisiva. Giocare Milan-Juventus è sempre affascinante, lo è stato da giocatore e lo sarà da allenatore. Giocheremo la apritta per fare il nostro meglio, sarà importante ma non decisiva”.

Dybala gioca? Che partita è il Milan per lei?
“Ieri Paulo aveva qualche linea di febbre ma oggi stava meglio. Il Milan è una squadra con la quale ho giocato tanto e vinto tanto. Per me è un paritta importante, anche se la società è cambiata molto”.

Ci saranno novità a centrocampo?
“Valuteremo domani chi avremo del tutto a disposizione. Arthur e Radio sono recuperati però vediamo cosa succederà dopo l’esito dei tamponi”.

Ha pensato a qualche accorgimento particolare per il Milan?
Dobbiamo stare attenti, loro sono molto bravi nel recuperare la palla e attaccare velocemente. Arrivano in porta con due-tre passaggi, dobbiamo essere bravi tecnicamente”.

Per il Milan torna Theo Hernandez in difesa. A centrocampo vista l’assenza per squalifica di Tonali giocherà Krunic al fianco di Kessiè. Davanti vista l’assenza di Ibrahimovic ci saranno Castillejo, Calhanouglu e Rebic dietro a Leao.

Anche per la Juventus ci sarà un ritorno in difesa, torna infatti Cuadrado con Alex Sandro indisponibile causa Covid-19. Dubbi per Pirlo a centrocampo con i ballotaggi fra Rabiot  Bentancur e Arthur – Mckennie. Davanti favorito Ramsey rispetto a Kulusevski, Dybala in dubbio visto che nella giornatà di lunedì ha accusato qualche linea di febbre.

MILAN (4-2-3-1) – Donnarumma; Calabria, Kjaer, Romagnoli, Hernandez; Krunic, Kessié; Castillejo, Calhanoglu, Leao; Rebic. All.: Pioli.

JUVENTUS (4-4-2) – Szczesny; Cuadrado, de Ligt, Bonucci, Danilo; Ramsey, McKennie, Bentancur, Chiesa; Dybala, Ronaldo. All.: Pirlo.

Lascia un commento